In centro a Pescara, eseguiamo esami in convenzione con il SSN.

Cerca il tuo esame, inizia a digitare e scopri di più:
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

In centro a Pescara, eseguiamo esami in convenzione con il SSN.

Cerca il tuo esame, inizia a digitare e scopri di più:
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

Categorie di esami disponibili

parallax background

Preparazione al prelievo


Alcuni esami necessitano di una preparazione prima di essere eseguiti.


Leggi cosa fare

Preparazione
bambini


Dedichiamo particolare attenzione ai prelievi per bambini anche al di sotto dei 2 anni ... leggi tutto


play-red-overplay-red

AVVISO

dal 22 dicembre al 9 gennaio 2022 sono sospesi i test del respiro

Breath test, test del respiro

Per scoprire reazioni avverse alimentari e contaminazioni batteriche

Medicina del lavoro


Organizzati per soddisfare molteplici esigenze


Scopri di più

Convenzioni con enti e aziende


Offriamo prestazioni in convenzione con svariati enti e aziende


Scopri di più

I nostri ultimi post

LA CISTITE PUÒ RIGUARDARE ANCHE I MASCHI ED ESSERE SPIA DI ALTRI PROBLEMI, AD ESEMPIO ALLA PROSTATADi cistite (infezione della vescica) al maschile si parla poco, ma è un problema che può riguardare anche gli uomini, nei quali l’infezione può essere spia di un altro problema sottostante: ad esempio una prostatite (infezione della prostata), un ingrossamento della ghiandola prostatica (ipertrofia benigna), un’ostruzione del tratto urinario, oppure calcoli renali. QUALI SONO I SINTOMI DA NON TRASCURARE E COME FARE PREVENZIONE CON DIETA E IGIENEIl 50% delle donne italiane viene colpito almeno una volta nella vita da infezioni delle vie urinarie. «Anche il 13-14% degli uomini però sperimenterà nel corso della vita almeno un’infezione delle vie urinarie, cistite e nefrite (se coinvolge i reni) — spiega Nicola Macchione, urologo e andrologo presso l’Ospedale San Paolo di Milano —. Le infezioni del tratto urinario sono rare negli uomini adulti principalmente grazie alla maggiore lunghezza dell’uretra (il canale che trasporta l’urina dalla vescica verso l’esterno) maschile e alle proprietà antibatteriche del liquido prostatico che impediscono la crescita dei batteri. L’incidenza dell’infezione, però, aumenta con il passare degli anni (specie dopo i 60-65 anni) e la cura è solitamente più impegnativa sia perché gli uomini tendono a trascurare i sintomi e ad arrivare più tardi alla diagnosi, sia perché si tratta di infezioni per definizione “complicate” visto che solitamente coinvolgono anche la prostata».LE CAUSE (ANCHE CONSUMO DI ALCOLICI)Generalmente il principale batterio responsabile è l’Escherichia coli, un microrganismo normalmente presente nell’intestino. «Se il flusso di urina rimane parzialmente bloccato per via di un calcolo nella vescica o nell’uretra, della prostata ingrossata o di un restringimento (stenosi) dell’uretra, i batteri che entrano nelle vie urinarie hanno meno possibilità di essere eliminati con l’urina . Altri fattori scatenanti possono essere l’utilizzo del catetere vescicale per lunghi periodi di tempo; la radioterapia a livello pelvico e l’assunzione di chemioterapici (in particolare ciclofosfamide e ifosfamide) in chi è un cura per un tumore. E ancora: diabete, eccessivo consumo di alcolici, scarsa, o anche eccessiva, igiene intima». SINTOMI E TERAPIE I sintomi più frequenti sono dolore e bruciore durante la minzione così come frequenza e urgenza minzionale, in presenza dei quali solitamente il medico prescrive un esame delle urine e l’urinocoltura con antibiogramma.Febbre, sangue o pus nelle urine, così come urina torbida e maleodorante o dolore pelvico si presentano di rado, per lo più nei casi gravi. ......Non esiste una cura unica che vada bene per tutte le cistiti, così come non esiste un antibiotico universale che funzioni con tutti i ceppi diversi di Escherichia Coli. La cura dipende dalla causa e va seguita scrupolosamente. Sebbene gli antibiotici eliminino rapidamente i batteri dall’urina presente in vescica, infatti, la maggior parte non riesce a penetrare nella prostata in modo da risolvere l’infezione locale. Motivo per cui, se s’interrompe in anticipo la terapia farmacologica, i batteri sopravvissuti a livello vescico-prostatico potrebbero essere causa di una nuova infezione, oltre ad aver magari sviluppato resistenza contro la terapia eseguita male. Quando serve si può aggiungere un antidolorifico per placare il dolore e attenuare lo stato infiammatorio».I RISCHI Non meno importante è l’assunzione di molta acqua per favorire, tramite una maggiore diuresi, l’eliminazione dei batteri infettanti, insieme a un’accurata igiene intima e all’astensione dai rapporti sessuali fino a quando l’infezione non sarà passata.Moltissime donne che combattono con la cistite per settimane o mesi e optano (con scarsi risultati) per il fai da te nelle terapie e raccontano di aver avuto episodi di cistite che si sono ripetuti nel tempo. Troppi rappresentanti del sesso maschile, invece, tendono a ignorare i campanelli d’allarme, esponendosi a rischi peggiori: «In assenza di trattamenti tempestivi e appropriati, nella cistite maschile di origine batterica, i patogeni responsabili dell’infezione possono raggiungere i reni e infettarli a loro volta, dando luogo a una pielonefrite che può danneggiare permanentemente i reni se non curata in modo adeguato» conclude Macchione.LA PREVENZIONE Poche e semplici buone abitudini possono aiutare a prevenire la cistite o ad alleviarne i sintomi. • Innanzitutto bisogna seguire una scrupolosa igiene della zona genitale (soprattutto dopo i rapporti sessuali), preferibilmente con un sapone neutro che non alteri il pH della pelle. • Non si deve poi trattenere la pipì: non ritardare lo svuotamento della vescica serve a impedire che si creino infezioni legate a ristagno di urina. • Bere molto e fare pipì (specie dopo un rapporto) aiuta a eliminare microrganismi patogeni e riduce il rischio che si moltiplichino. • Altro punto cruciale è la dieta: è consigliabile seguirne una che non preveda cibi speziati, insaccati, dolci e bevande che contengono caffeina o alcol. Tutto ciò che favorisce l’infiammazione e può irritare la vescica va eliminato in fase acuta a partire da alimenti e bibite «eccitanti» (contenenti teina, caffeina), piccanti e alcolici. • Infine: una nutrizione corretta, con molte fibre, facilita la regolarità dell’intestino decisiva perché la stasi di feci può facilitare infezioni da germi. ... ContinuaChiudi
Guarda su Facebook
RECENTI STUDI DIMOSTRANO CHE ESISTE UNO STRETTO LEGAME TRA INTESTINO, ANSIA E DEPRESSIONE(SECONDA PARTE)L’ALIMENTAZIONE HA EFFETTI PROTETTIVI SUI DISTURBI MENTALI ED È CENTRALE NEL LEGAME TRA INTESTINO, ANSIA E DEPRESSIONE.Diversi studi dimostrano che elementi dietetici come probiotici, prebiotici, spezie, frutta e verdura, hanno effetto protettivo sui disturbi mentali poiché agiscono sull’equilibrio del microbiota intestinale.I PROBIOTICI sono batteri attivi, già noti per agire in supporto ad alcune patologie come costipazione, obesità e problemi cardiovascolari.Recentemente questi microrganismi presenti nell’intestino hanno rivelato effetti positivi su ansia e depressione.Ad esempio, correggendo il meccanismo che porta alla produzione del cortisolo (ormone dello stress).I PREBIOTICI invece sono sostanze non digeribili, quali le fibre presenti in alcuni alimenti, indispensabili per favorire la crescita e l’attività dei probiotici.Uno studio ha mostrato importanti risultati su pazienti con ansia e depressione, grazie alla somministrazione di integratori a base di probiotici, prebiotici, estratti vegetali e nutrienti per quattro settimane.LE SPEZIE E LE FIBRE ALIMENTARI, con i loro composti bioattivi, sono già note per la loro azione antinfiammatoria, antifungina e antitumorale: oggi sembrano avere degli effetti positivi anche su ansia e depressione agendo sempre sul microbiota intestinale.Sono ad esempio la curcumina presente nella curcuma o la capsicina, componente attivo dei peperoncini.Poi, in generale, un elevato consumo di frutta e verdura è correlato ad una migliore salute mentale.CONCLUSIONIAd oggi i trattamenti per i disturbi mentali comprendono terapie con farmaci (antidepressivi, ansiolitici) e psicoterapia. Anche l’agopuntura, la meditazione e l’utilizzo di integratori naturali rappresentano trattamenti di supporto.Per il futuro è importante proseguire con nuove ricerche per esplorare gli effetti preventivi e curativi di vari alimenti così da supportare in modo “naturale” le terapie per i disordini mentali. ... ContinuaChiudi
Guarda su Facebook
Recenti studi dimostrano che esiste uno stretto legame tra intestino, ansia e depressione (prima parte)Il microbiota intestinale, più comunemente detto “flora intestinale”, è l’insieme di tutti quei microrganismi come batteri, virus, protozoi, e funghi che vivono in simbiosi con il nostro intestino.Tali organismi svolgono molte funzioni essenziali per la nostra salute.Inoltre, il nostro intestino è ormai considerato come un “secondo cervello” poiché possiede un proprio sistema nervoso autonomo (chiamato sistema enterico) e produce sostanze chiamate neurotrasmettitori.Queste sostanze rappresentano un collegamento tra intestino, ansia e depressione.Fra le sostanze prodotte, ad esempio, troviamo la serotonina, conosciuta come “ormone della felicità”, che ha un effetto calmante e rasserenante ed ha un ruolo protettivo contro l’ansia.La dopamina invece è nota come “ormone della gratificazione”, ed aumenta la nostra concentrazione e motivazione.Una diminuzione di questi neurotrasmettitori è associata allo sviluppo di disturbi mentali come la depressione.Quando tale equilibrio si altera, ad esempio a causa di una dieta poco bilanciata, o per abuso di alcol, o nei fumatori, si crea una condizione detta disbiosi.In pratica, i batteri “cattivi” aumentano in maniera significativa e la salute dell’intestino ne risente.L’analisi del microbiota serve a fotografare il nostro stato di salute dell’ intestino. ... ContinuaChiudi
Guarda su Facebook
I DISTURBI DELLA NUTRIZIONE E DELL’ALIMENTAZIONE (DNA) SONO PATOLOGIE COMPLESSE CARATTERIZZATE DA: • un disfunzionale comportamento alimentare • un'eccessiva preoccupazione per il peso con alterata percezione dell’immagine corporea. Tali aspetti, inoltre, sono spesso correlati a BASSI LIVELLI DI AUTOSTIMA.I DNA possono presentarsi IN ASSOCIAZIONE AD ALTRI DISTURBI PSICHICI come ad esempio disturbi d’ansia e disturbi dell’umore.LO STATO DI SALUTE FISICA è quasi sempre compromesso a causa delle alterate condotte alimentari (per esempio restrizione alimentare, eccessivo consumo di cibo con perdita di controllo, condotte di eliminazione e/o compensatorie) che portano ad alterazione dello stato nutrizionale.IL BASSO PESO, quindi, come spesso erroneamente si ritiene, non è un marcatore unico e specifico per i DNA, in quanto anche condizioni di normopeso e sovrappeso, fino all’obesità, possono essere associate alla presenza di disturbi della nutrizione e dell'alimentazione.SE NON TRATTATI IN TEMPI E CON METODI ADEGUATI, I DNA possono diventare una condizione permanente e compromettere seriamente la salute di tutti gli organi e apparati del corpo (cardiovascolare, gastrointestinale, endocrino, ematologico, scheletrico, sistema nervoso centrale, dermatologico ecc.) e, nei casi gravi, portare alla morte. All’anoressia nervosa è collegata una mortalità 5-10 volte maggiore di quella di persone sane della stessa età e sesso.ATTUALMENTE QUESTI DISTURBI RAPPRESENTANO UN IMPORTANTE PROBLEMA DI SALUTE PUBBLICA, visto che per l’anoressia e per la bulimia, negli ultimi decenni, c’è stato un progressivo abbassamento dell’età di insorgenza, tanto che sono sempre più frequenti diagnosi in età preadolescenziale e nell’infanzia.L’INSORGENZA PRECOCE, INTERFERENDO CON UN SANO PROCESSO EVOLUTIVO SIA BIOLOGICO CHE PSICOLOGICO, si associa a conseguenze molto più gravi sul corpo e sulla mente. Un esordio precoce può infatti comportare un rischio maggiore di danni permanenti secondari alla malnutrizione, soprattutto a carico dei tessuti che non hanno ancora raggiunto una piena maturazione, come le ossa e il sistema nervoso centrale.DATA LA LORO COMPLESSITÀ, È ESSENZIALE UNA GRANDE COLLABORAZIONE TRA FIGURE PROFESSIONALI con differenti specializzazioni (medici specialisti in psichiatria, in pediatria, in scienza dell’alimentazione e in medicina interna, dietisti, psicologi e psicoterapeuti), ai fini di una diagnosi precoce, di una tempestiva presa in carico all’interno di un percorso multidisciplinare e di un miglioramento dell’evoluzione a lungo termine.Con la Direttiva del Presidente del Consiglio dei ministri 8 maggio 2018 è stata indetta la GIORNATA NAZIONALE DEL FIOCCHETTO LILLA DEDICATA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE. La Giornata si celebra il 15 marzo di ogni anno. ... ContinuaChiudi
Guarda su Facebook

Cosa dicono di noi

 
Laboratorio Analisi Carboni
5.0
Basato su 8 recensioni
powered by Google
Domenico Benedetti
Domenico Benedetti
10:37 22 Sep 20
Ottimo laboratorio analisi.. Il personale è molto professionale
Luca Mc Gregory
Luca Mc Gregory
05:46 12 Sep 20
Laboratorio top.... Personale efficiente ed attento al cliente.... Inoltre gestiscono i bambini in maniera... eccellente....leggi di più
infodimonte
infodimonte
17:39 10 Mar 20
Laboratorio moderno e accogliente. Preparati, veloci e prezzi concorrenziali. Una dottoressa bravissima e bellissima... che tratta i bambini come la Montessori. Che dire, sono fenomenali.leggi di più
Rosalia Michetti
Rosalia Michetti
14:50 05 Sep 18
Frequento questo laboratorio ormai da diversi anni e mi sono sempre trovata bene per competenza e cortesia. Si possono... concordare gli orari se si hanno esigenze particolari e si viene avvertiti con e-mail o sms quando i risultati sono pronti. Le informazioni che danno sono molto dettagliate anche per i costi dei test da effettuare.leggi di più
Tiziana Andreola
Tiziana Andreola
10:26 22 Jul 18
Personale paziente e professionale. Si viene trattati non come numeri ma come persone di famiglia. Ambulatorio con una... marcia in più. 👍leggi di più
Guarda tutte le recensioni
js_loader